Buongiorno Dottoressa,

non so se mai risponderà al mio messaggio ma ci provo. Sono M, un ragazzo di 28 anni e da 5 anni sto insieme con un ragazzo di 35. La nostra storia, purtroppo per lavoro, ci ha sempre tenuti separati : entrambi veneti, durante la settimana lavoravamo ed il week-end ci vedevamo. E’ una storia meravigliosa, piena d’amore e con nessun problema sessuale.
Purtroppo ora sto vivendo un inferno che mi sta annientando…Lui da quando sta facendo la tesi di dottorato si è trasferito in Romania ed ora esce dicendomi che mi ama intensamente, che non riesce a vedermi come un amico ma non capisce se sono il ragazzo con cui vuole vivere.
Pochi mesi fa mi diceva che voleva assolutamente tornare in Italia (dicembre) per vivere la nostra storia e andare a convivere insieme. Mi ha detto che gli servono 2 settimane per riflettere e quindi non ci sentiremo.
Dottoressa sono distrutto da tutto questo; come può cambiare opinione un uomo che fino a ieri diceva di amarmi? Tornerà ad ottobre e li ci vedremo ma ho una paura pazzesca che mi lasci… in questi giorni non ho più voglia di fare niente, mi sento annullato e piango molto spesso per i dubbi che ho. Fortunatamente ho degli amici che mi stanno vicino. Lui ha detto (ed io ci credo) che non ha nessun altro ragazzo ma allora come può dirmi che, se voglio, in queste 2 settimane posso fare tutto quello che voglio?
Mi aiuti, la prego.

M.

Caro M. mi colpisce molto la sua lettera e percepisco il suo smarrimento e la sua sofferenza. La prima cosa che mi sento di dirle è di recuperare la calma e la lucidità che soprattutto in questi casi serve. Non posso sapere cosa stia succedendo al suo fidanzato, ma è chiaro che le sta comunicando incertezza sul futuro del vostro rapporto e che questo la destabilizza moltissimo. Posso capire che quando un legame tanto importante rischia di venire meno le sensazioni sono profondamente negative. Credo anche che, in questo momento, la cosa che le sta procurando più sofferenza è la mancanza di chiarezza, il suo fidanzato, infatti, è contraddittorio ed ambivalente, da un lato le dice che la ama dall’altra che non sa quello che vuole. Io credo che la prima cosa che le serve è chiarezza e trasparenza, provi a chiedere spiegazioni e cerchi di capire la verità. Se, nonostante i suoi sforzi, il suo fidanzato non le da spiegazioni, cerchi di recuperare le sue risorse, la sua sicurezza, i suoi amici e i suoi interessi. Cerchi di dedicarsi alle cose che le fanno bene e da cui trae soddisfazioni. Ha scritto di avere tanti amici che le stanno vicino, questa è una fortuna che lei deve apprezzare, naturalmente le consiglio di non parlare con loro costantemente di questa situazione altrimenti a poco le giova avere delle opportunità di distrarsi. La sua relazione sembra sbilanciata, il suo fidanzato ha un potere assoluto su di lei al punto da usare una frase paradossale come “ Fai quello che vuoi in queste due settimane” . Quando qualcuno ci dice di essere liberi in realtà sta proprio affermando il contrario, perché noi siamo liberi solo se siamo noi a deciderlo non per concessione o licenza di qualcun altro. Si renda libero, l’amore non deve diventare schiavitù, se il suo fidanzato non vorrà più proseguire questo rapporto, lei avrà il diritto di soffrire e lo farà come sente tra l’affetto delle persone che le vogliono bene, con le sue risorse, le sue qualità, la sua capacità di amare e vedrà che comunque sia andrà bene. Creda in se stesso e pretenda chiarezza. Spero di esserle stata utile.

Giovanna Celia
D la Repubblica Blog