Gent.ma dott.ssa Celia,
quanto è utile, per una coppia, rivolgersi ad un psicoterapeuta? Le rivolgo questa domanda perchè riscontro difficoltà all’approccio sessuale da parte del mio fidanzato, che tra pochi mesi sposerò. Lui mi ama e mi dimostra il suo amore ma ho notato che non mi cerca quasi mai, a meno che non sia io a “insistere” in qualche modo. Fortunatamente, riusciamo a parlare di questa nostra situazione e quello che emerge, a fronte delle mie domande, è una difficoltà di lui a lasciarsi andare alle emozioni. E’ sempre molto controllato e, a detta sua, troppo concentrato su se stesso e sul suo lavoro da essere distolto da qualsiasi “istinto”. Ha sicuramente un carattere complesso, intimamente insicuro e all’apparenza predominante e imponente. Il mio carattere è invece socievole, solare, aperto all’altro. Dai nostri discorsi deduco che non possiamo affrontare questo lavoro da soli, sento la necessità che sia uno specialista a guidarci. Ma non so proprio a chi rivolgermi e non so se
è la cosa giusta da fare.
Grazie per l’attenzione che avrà voluto dedicarci,

Cara M. la sua situazione è veramente delicata. Partiamo dal principio, state per sposarvi ma il suo fidanzato ha difficoltà a lasciarsi andare alle emozioni e all’stinto. Allora  in base a che cosa lui  ha deciso di sposarla? Ad un calcolo matematico? Cos’è il matrimonio per Lui, qualcuno di affidabile che scalda l’altra parte del letto? Trovo quanto meno avventato decidere di sposarsi con queste premesse. E lei perchè vuole sposare qualcuno che non vuole concedersi se non insistendo?  Il sesso non sarebbe meglio farlo piuttosto che parlarne. Se proprio avete sviluppato la consapevolezza di avere un problema,  allora sarebbe meglio affrontarlo con l’ aiuto di un esperto. Sposarvi senza affrontare questa situazione potrebbe determinare un effetto domino: per cui ci sposiamo quando siamo in crisi, facciamo un figlio quando ritorniamo ad essere in crisi e poi ne facciamo un altro ancora quando saremo stanchi. Arrivati a quel punto non vi resterà che  lasciarvi o rendere il tutto più sofferto e  complicato. Che intende quando dice “Lui mi ama e mi dimostra il suo amore”?  Non confonda  un legame solido ed affettuoso con l’amore. Nessuno può dirsi esperto d’amore tanto meno io, ma uno degli elementi che lo caratterizzano è proprio il desiderio, la sessualità, la fisicità che non c’è in altri legami affettivi profondi. Sarebbe utile sapere se in passato il vostro rapporto godeva di una felice sessualità che oggi vive un periodo di stanchezza, magari per tutti gli impegni e le responsabilità che l’organizzazione stessa del matrimonio sovente comporta. Oppure non ha mai avuto picchi erotici di particolare intensità e Lei se ne accorge soltanto adesso perchè l’avvicendarsi del matrimonio attiva un esame di realtà della coppia e del suo stato. Io questo non lo so, ma le consiglio vivamente di affrontare la questione prima di intraprendere  scelte importanti come il matrimonio. In bocca a lupo.

Giovanna Celia – D la Repubblica Blog